Giuseppe Carlino

La giustizia è amministrata in nome del popolo o di Bruno Contrada?

Sono state di recente depositate le motivazioni della sentenza della Corte di Cassazione sul caso Contrada: l’ex agente segreto italiano, condannato in via definitiva a dieci anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa, non è ora più soggetto ad alcun effetto penale della sentenza che lo vedeva imputato. La sentenza era già definitiva, confermata dalla Cassazione; eppure ora non c’è più, svuotata di ogni significato in quanto… smentita dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo. La CEDU, infatti, nel 2015 ha esaminato il…

Il reato di apologia nazifascista, tra forza e giustizia

Un gran parlare si fa in queste ore del ddl Fiano che introduce il reato di apologia di fascismo e nazifascismo. I reati di apologia sono sempre molto scivolosi, perché materialmente si risolvono nella manifestazione di un pensiero; magari con particolare vis espressiva, magari dinanzi ad un uditorio ricettivo ma pur sempre nell’esercizio della libertà di espressione, garantita come intangibile da tutto il costituzionalismo post-fascista. Si ritiene, in questi casi, che tale libertà sia malriposta, violando “il dovere di rispettare l’ordine giuridico costituito nei…