Paolo Gerbaudo

Contro il carrierismo

La politica c’è chi la fa per servizio e vocazione; e c’è chi la fa per carriera. Talvolta le due cose si incrociano. È una cosa che abbiamo imparato dai classici della sociologia politica come Max Weber e Robert Michels i quali ci avevano avvertito rispetto al fatto che le grandi aspirazioni dei movimenti popolari sarebbero state tradite dagli interessi personali dei leader, preoccupati più di salvare il loro posto di lavoro e i propri privilegi che di conseguire gli obiettivi dichiarati delle loro…

Dal Brancaccio a Potere al Popolo

Mentre la campagna elettorale per le Politiche del 2018 è già di fatto cominciata  – e Silvio Berlusconi ha già calato un asso con la sua promessa di portare le pensioni minime a mille euro – le forze a sinistra del PD sono in grande convulsione. Negli ultimi due anni sono nate ben cinque nuove formazioni che si presenteranno alle elezioni: Sinistra Italiana, MDP-Articolo 1, Possibile, Campo Progressista e coalizioni come Potere al Popolo. Eccetto per quest’ultima, si tratta di formazioni nate da scissioni…

Post-neoliberismo e la politica della sovranità

La crisi della globalizzazione neoliberista che si sta manifestando a diverse latitudini, e che è stata dimostrata in maniera eclatante dalla vittoria della campagna per la Brexit nel Regno Unito e dal successo di Donald Trump nelle presidenziali americane, ha risuscitato una delle più antiche e polverose tra tutte le nozioni politiche: l’idea di sovranità. Di solito intesa come l’autorità dello Stato di governare sul suo territorio, la sovranità è stata a lungo considerata un residuo del passato in un mondo sempre più globale…

Solo il populismo ci salverà dai populisti

L’insediamento di Trump come presidente degli Stati Uniti è un evento che deve far riflettere la sinistra e i movimenti. Come è possibile che siamo arrivati a questo punto? Quale livello di cinismo e disperazione ha portato il popolo statunitense a scegliere come proprio comandante in capo un personaggio così squallido e pericoloso? Ma soprattutto perché la sinistra si è dimostrata incapace di catturare la rabbia popolare provocata dalla crisi economica del 2008? Queste domande non riguardano solo la politica americana ma ci toccano da…

Senso Comune - Manifesto per un populismo democratico e una politica del senso comune

Lo spettro del populismo

Uno spettro agita l’establishment neoliberista e la sinistra post-moderna, unite in questa congiuntura dalla medesima paura: il populismo. Dopo la vittoria di Donald Trump nelle elezioni presidenziali statunitensi, l’ultima manifestazione di una “ondata populista” che si riaffaccia ad ogni appuntamento elettorale, dalla Brexit del giugno scorso fino al successo del No nel referendum costituzionale del 4 dicembre in Italia, la questione del populismo disturba i sonni dei broker dell’alta finanza come quelli di alcuni teorici della sinistra radicale. Il termine populismo è da tempo…

Senso Comune - Manifesto per un populismo democratico e una politica del senso comune

Tra unità, sinistra e populismo

Unire la sinistra o costruire il popolo? Gli ultimi 7 anni di lotta contro crisi e austerity in Europa hanno evidenziato la presenza di due strategie organizzative contrapposte, che si sono manifestate sia nel campo dei movimenti sociali che nel campo della politica di partito: l’unità a sinistra o il populismo. Queste strategie riflettono diverse “diagnosi” differenti interpretazioni della natura della presente crisi, e propongono diverse ricette organizzative. L’unità a sinistra punta su una logica di coalizione, capace di alleare vari attori sociali e politici…