Il presidente argentino Fernández in Vaticano: la diplomazia del debito di Papa Francesco

Il primo incontro di Alberto Fernández come presidente con Papa Francesco fa parte del primo tour europeo del presidente argentino. Tuttavia, l’incontro tra i due capi di Stato ha un significato particolare. Le immagini di quattro anni fa sono ancora fresche, quando il Sommo Pontefice ha ricevuto Mauricio Macri e, quanto meno, non è stato felice di farlo.

Diametralmente opposte le immagini sia pubbliche che private con Fernández. Entrambi si sono visti sorridenti, con gesti affettuosi e in buona sintonia. Al di là di una riunione di protocollo, la visita di Fernández in Vaticano ha un grande significato per ciò che sta aspettando l’Argentina. Lo stato più piccolo del mondo, il Vaticano, ospiterà presto l’incontro tra il FMI e il governo del paese per condurre i colloqui sul debito.

L’incontro si svolge anche il giorno seguente alla conferma di María Fernanda Silva come prima donna responsabile dell’Ambasciata presso la Santa Sede. Silva è anche la prima afro-discendente a far parte del Corpo Diplomatico Nazionale. Ha una lunga militanza nel cattolicesimo popolare e nelle associazioni per i diritti dei migranti.

Mons. Sánchez Sorondo, l’argentino che dal 1998 è Cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze e della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, ha celebrato una messa nelle catacombe del Vaticano con il Presidente, prima dell’incontro pubblico con Francesco. Lì ha ricordato la memoria del generale Juan Domingo Perón, e inoltre Sánchez Sorondo ha augurato “successo” alla gestione di Fernández. Curiosamente, in quel preciso luogo, nel novembre 1972, prima del primo ritorno di Perón in Argentina, lo stesso Sánchez Sorondo celebrò una messa insieme a padre Carlos Múgica per il fino a quel momento leader esiliato. L’importanza simbolica dell’incontro non è sfuggita ai presenti. Ci sono stati riferimenti al sacerdote ucciso nel 1974, nello stesso momento in cui Sorondo chiese “l’unione degli argentini”. Era quel padre Carlos Múgica che osava dire che il peronismo ha duemila anni, poiché con il peronismo il cristianesimo è diventato politico. La verità è che il legame tra i due movimenti è indissolubile dalla nascita stessa del giustizialismo. Anche se ci sono tradizioni politiche profondamente eterogenee nel Frente de Todos [il cartello elettorale che ha eletto Fernández, n.d.r.], il fattore più strettamente legato alla Chiesa cattolica è molto presente. Soprattutto in funzionari come Gustavo Béliz, leader come Eduardo Valdés o nei settori più identificati con i movimenti sociali.

Oggi i tempi sono cambiati e la laicità dello stato è una bandiera che non dovrebbe più essere discussa. Tuttavia, l’importanza come leader geopolitico di Papa Francesco non può essere ignorata. Il principale ostacolo nelle relazioni con il governo argentino sarà la questione dell’aborto. Fernández ha già chiarito che invierà la legge al Congresso dall’inizio delle sessioni ordinarie e che la sua intenzione politica è quella di accelerarne l’approvazione. Mentre Fernandez ha affermato che la questione non è stata discussa durante l’incontro, in una dichiarazione, la Santa Sede ha affermato che è stato chiesto di non portare avanti la legge.

Per ora questo non è stato un impedimento per Jorge Bergoglio a rendere disponibile il Vaticano per l’incontro del governo argentino con il Fondo monetario internazionale. Il suo ruolo sarà fondamentale nel raggiungimento di una ristrutturazione del debito. Il prossimo febbraio, il Ministro dell’Economía Martin Guzmán e Cristalina Georgieva si incontreranno presso la Santa Sede. Si prevede che sarà il primo passo pubblico verso un’intesa tra l’agenzia multilaterale e il governo argentino. La mediazione di Francisco, un uomo legato a Joseph Stiglitz, a sua volta maestro di Martin Guzmán, è stata la chiave per iniziare a raggiungere un’intesa.

Considerato da molti il ​​leader mondiale più prestigioso, Francesco è una figura molto polarizzante per gli argentini. È meglio considerato da coloro che compongono il settore più legato al peronismo che da quelli che hanno optato per differenzi scelte elettorali. Forse è per questo che non è ancora venuto nel paese che l’ha visto nascere. Da quando è stato eletto vescovo di Roma nel 2013, Francesco ha visitato tutta l’America Latina, ad eccezione del Venezuela e dell’Argentina. Ciò contrasta con i suoi predecessori Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, i cui primi viaggi apostolici sono stati rispettivamente in Polonia e Germania, i loro paesi di nascita.

In un contesto profondamente polarizzato, il Papa non può essere il pastore di un settore del Paese, ma di tutti. I primi passi sono già stati fatti, il discorso di Fernández per porre fine alla crepa e le continue richieste di unità degli argentini vanno in quella direzione. Sicuramente ad un certo punto, la visita papale in Argentina finirà per essere concertata. Per ora, Francesco ha svolto un ruolo estremamente importante per il Paese, ancor più di qualsiasi altra visita. Collaborare per un’intesa con il Fondo monetario internazionale, in un momento in cui lo Stato argentino deve affrontare il peggior indebitamento della sua storia, è un servizio alla Patria più grande di quanto si possa chiedere a qualsiasi Sommo Pontefice.

Skip to toolbar